15 stagioni in 48 secondi: il tema musicale di ER

ER  15 stagioni in 48 secondi: il tema musicale di ER ER Cast Season 1
Dovete sapere che negli anni ’90 non occorreva girare coi capelli sparati in aria per essere scritturati

Per chi se lo chiedesse, il titolo di questo post mi è venuto in mente ripensando al combattimento finale de Il Corvo, dove (SPOILER!) il buon Eric Draven afferra il cranio di Top Dollar e gli scarica, come se fosse una chiavetta USB, tutta l’agonia della sua defunta fidanzata, gridandogli “Trenta ore di sofferenze, tutte insieme!” Con la differenza che qui non si parla di sofferenza, proprio no.
Oggi il mondo dell’entertainment è in mano alle serie tv, che hanno raggiunto livelli qualitativi e ambizioni tali da, insomma, tutto quello che già sapete, lo sappiamo tutti. A metà degli anni ’90 non era così.
Però, allora, c’era comunque ER.

Inutile mettersi qui a snocciolare tutte le qualità di una serie che riusciva a creare insostenibili livelli di dramma e thriller (ma anche massicce dosi di sapido umorismo) mettendo in scena cateteri e flebo, per non parlare dei caratteristici piano-sequenza mozzafiato, e della capacità di creare ogni volta scene debordanti di dettagli . Ma vale la pena fermarsi a riflettere su un aspetto in particolare, un dettaglio che poi dettaglio non è: il tema musicale.

L’attuale andazzo, anche delle serie migliori, è di affidarsi a temi generici, che una produzione potrebbe tranquillamente scambiarsi con le altre. O peggio ancora, si ricorre a stacchetti della durata di pochi secondi, fatti e piazzati al solo scopo di chiudere il prologo e aprire l’episodio vero e proprio.

Beh, non era questo che aveva in mente il grande James Newton Howard quando realizzò il pezzo portante della soundtrack di ER, cosa che fece tra l’altro piuttosto in fretta a causa di altri impegni di lavoro incombenti. Risultato, 48 secondi di musica che in sé contiene già tutto il telefilm in nuce, dove l’arrangiamento a base di tastiere, percussioni sintetiche e chitarre elettriche suona come un ingorgo di sirene di ambulanze, clacson, defibrillatori e respiratori, presieduto dal battito cardiaco di un cuore di cento chili un po’ zoppicante. Eppure, è un tema con un’introduzione, uno svolgimento (a base di tre sole note e vari contrappunti di piano), un’ultima, assillante contrazione e un finale brusco e liberatorio, in cui si può letteralmente sentire scoppiare il silenzio.
er_logo  15 stagioni in 48 secondi: il tema musicale di ER er logoUn tema talmente buono e giusto che l’hanno tenuto per ben 12 stagioni, prima di disfarsene. Ma sarebbe riapparso comunque a chiudere l’ultimissimo appuntamento con la serie.
Parere personale, si tratta di un brano talmente avventuroso e fulmineo che non stanca mai. Per quello che mi riguarda, è ancora oggi una delle sigle più peculiari e azzeccate di sempre.

Comments

comments

Leave a Reply