Nightcrawler – Review – Recensione

Nightcrawler; the new American Dream

Jake Gyllenhaal channels the perfect modern man in this exploitative portrait of late capitalist America.

I challenge you to take your eyes off Jake Gyllenhaal for even a second when the camera holds his pallid, gaunt face on screen. Slimmed down, having lost 30 pounds for the role, Gyllenhaal is so disturbingly watchable that I can only imagine the Oscars’ jury couldn’t steel their gaze away long enough to find their pencils and add him to their Best Actor list.

We first meet Gyllenhaal’s Lou, down and out on his luck, ripping up the city (literally) to make a few dollars by a smoky LA rail-line and knocking out a security guard as he leaves. Trying to sell the metal chain-link fence he stole to a scrap company, Lou presents himself for employment with the movie’s only line written straight for the trailer – “if you want to win the lottery, you’ve got to make enough money to buy a ticket”

743984_019  Nightcrawler - Review - Recensione 743984 019Faced with rejection, Lou quickly finds his true vocation as a Nightcrawler, happening across an unfortunate body in a traffic accident and a freelance film crew jostling with police for a good shot of the carnage. Pawning a stolen bike, Lou gets his first camera and frequency monitor and proceeds to piggy back 911 wave-lengths and film crime and misery across the city in order to sell the footage on to the morning news, so the suburban white collar workers can watch the bloody mayhem of the night unfold over their cornflakes.

Nightcrawler is a highly stylised self aware modern movie for a modern world, echoing old ideas of desperation and humanity from Metropolis to Network to Taxi Driver but with a new twist. In our post-capitalist world Lou manages to ruthlessly carve out a business for himself profiting off human misery. As Lou says, “we can’t be promised the same job security as previous generations.”
While plugging these depths Director Dan Gilroy can’t help but enjoy an exploitative streak of fast cars and guns, but you won’t hear me complaining.

The LA of Nighcrawler is infused with the neon lit nostalgia of fictional frontiers in video games, back beyond GTA to the the likes of Drive, where the city is a never ending sprawl of dark opportunity. At once disturbing – in the American tradition of painting urban communal life as violent – and at the same time seductive, with its sense of freedom and twisted beauty. It was one step away from pure sci-fi noir. Even the brief glimpses of daylight were eerie as Lou, ironing his shirts, maniacally laughs at daytime TV movies. Nightcrawler follows a long line of American Film that takes place in a world of perpetual dark and a never ending metropolis that serves as a canvas on which to brush tales of dark humanity. But in Nightcrawler, as in all the classics, this world is seductively beautiful.

img_7435  Nightcrawler - Review - Recensione img 7435Gyllenhaal’s character is undoubtedly the master stroke of the film. Always polite and endlessly psychotic, Lou is a blank slate onto which a tirade of self-help books and how-to business manuals shaped his view of the world. From surrounding a bullet hole ridden fridge from a home invasion with family pictures to maximise the emotional impact, to manipulating his way to sex – Lou will do anything to pursue his goals and it’s justified in his mind as personal growth. As Dan Gilroy put it, “Ten years after the film ends, Lou would be running a major corporation, orchestrating a giant merger that puts fifty thousand people out of work”.

The dark humour shined through when Lou’s go-getter attitude clashed violently with real world events. Having snuck in and filmed two grisly murders up close in a house where the police had yet to arrive, Lou and his nervous side kick Rick (brilliantly played by Riz Ahmed) run down the driveway at full flight with Lou berating his employee for not showing enough initiative.
A rich satire and delectably humorous, if not disturbingly recognizable.

If Lou is the perfect man for this brave new world, Rick is the old imperfect version of the man starting at the bottom. Desperate for work he’s dragged into the seedy underworld of TV news and uncomfortable at every turn whilst being ruthlessly exploited by Lou, starting his new life through a barely remunerated internship programme, a not so subtle swing at intern culture, knocking it out of the park on the way. Both starting from the bottom of society, Rick pauses where Lou hits the gas and that’s why he’s the boss.

Nightcrawler-jake-gyllenhaal  Nightcrawler - Review - Recensione Nightcrawler jake gyllenhaalIt’s not a flawless piece. The jarring sound track was totally off the mark and the inclusion of the TV station employee, whose sole purpose was to look shocked at everything, was a slap in the face to the audience’s intelligence. But the former was more than compensated for by the cinematography and the latter by Rick’s role as a mirror to Lou.

To make it in this world you’ve got to be fearless and clever and abandon what is thought of as right. As Jake Gyllenhaal said in a recent interview, the modern world of work “is a wild west in a lot of ways”. The final curtain appropriately closes on a shot of a bright moon illuminating nightime L.A. Of course Lou was going to be successful, he is the embodiment of the perfect modern man finding his own light in the dark. Self made, no humanity, endless hunger, and willing to carve out a niche for himself to prosper as the rest of us get swallowed up in the economic oblivion of our age. As a saturated collapsing economy takes it’s toll on all our futures, director Dan Gilroy satirizes what is needed to make it in this world. It’s not a place I look forward to living. Although, I wouldn’t say no to a sequel.

 

Article Lead - wide6327504611o76eimage.related.articleLeadwide.729x410.11o7c6.png1416546009117.jpg-620x349  Nightcrawler - Review - Recensione Article Lead wide6327504611o76eimage

Nightcrawler; il nuovo Sogno Americano

Jake Gyllenhaal mette in onda il perfetto uomo moderno in questo crudo ritratto dell’odierna America capitalista.

Vi sfido a scollare gli occhi da Jake Gyllenhaal anche solo per un secondo quando la camera inquadra il suo volto pallido e smunto. Dimagrito di 13 kg per il ruolo, Gyllenhaal è un tale, disturbante spettacolo che posso solo immaginare che i giurati degli Oscar non siano riusciti a distogliere lo sguardo abbastanza a lungo da trovare le penne e aggiungerlo alla lista per il Miglior Attore.

Incontriamo per la prima volta il Lou di Gyllenhaal, misero e disgraziato, mentre fa a pezzi (letteralmente) la città in cerca di qualche soldo vicino a una fumosa linea ferroviaria di Los Angeles, stendendo una guardia di sicurezza all’atto di andarsene. Nel tentativo di vendere a un deposito di rottami la recinzione di catene che ha rubato, Lou si presenta per ottenere un impiego con l’unica battuta scritta apposta per il trailer – “se vuoi vincere la lotteria, devi fare abbastanza soldi da comprare il biglietto.”

Davanti al rifiuto, Lou trova la sua vera vocazione come Nightcrawler, incappando in un povero cadavere di un incidente stradale e in una crew televisiva freelance tutta presa a fare a spintoni con la polizia nel tentativo di ottenere una buona ripresa del massacro. Impegnando una bici rubata, Lou si procura la sua prima videocamera e una radio, e si organizza in modo da intercettare le frequenze del 911, le scene del crimine e lo squallore della città, per poi vendere il girato ai telegiornali del mattino, così che i colletti bianchi della periferia possano vedere il cruento caos della notte scorrere sui loro cornflakes.

jake-gyllenhaal-goes-off-the-rails-in-new-nightcrawler-trailer-watch-now-167200-a-1408690004-470-75  Nightcrawler - Review - Recensione jake gyllenhaal goes off the rails in new nightcrawler trailer watch now 167200 a 1408690004 470 75Nightcrawler, molto stilizzato e autocosciente, è un film moderno per un mondo moderno, che riecheggia vecchie idee di disperazione e umanità presenti in Metropolis, Quinto Potere e Taxi Driver, ma con una nuova prospettiva. Nel nostro mondo post-capitalista, Lou si adopera per ricavarsi spietatamente un business lucrando sulle miserie umane. Come dice Lou, “non ci possono promettere la stessa sicurezza del lavoro delle generazioni precedenti.” In mezzo a questi affondi, il regista Dan Gilroy non riesce a evitare una serie di bassezze a base di macchine veloci e fucili, ma non mi sentirete recriminare.

La Los Angeles di Nightcrawler trasuda nostalgia al neon degna di certe frontiere dell’immaginazione viste nei videogiochi, da GTA fino a Drive, in cui la città è una sconfinata distesa di oscure opportunità. Disturbante – nella tradizione americana di rappresentare la comune vita urbana come violenta – e allo stesso tempo seducente, con quel senso di libertà e contorta bellezza. Siamo a un passo dal puro noir sci-fi. Persino i brevi squarci di luce solare sono inquietanti, con Lou che, mentre si stira le camicie, ride ossessivamente davanti ai film tv della fascia diurna. Nightcrawler entra nella lunga scia del Cinema americano ambientato in un mondo in perenne oscurità e in una sterminata metropoli, da usare come tela su cui dipingere storie di un’umanità tenebrosa. Ma in Nightcrawler, come in tutti i classici, questo mondo è di una bellezza seducente.

189127HB  Nightcrawler - Review - Recensione 189127HBIl personaggio di Gyllenhaal è senza dubbio il più grande colpo da maestro del film. Sempre garbato e del tutto fuori di testa, Lou è una pagina bianca che ha edificato la sua visione del mondo con una scorpacciata di libri di auto-aiuto e manuali di business. Dal ricoprire di foto di famiglia un frigorifero crivellato di fori di proiettili in un’aggressione domestica per massimizzare l’impatto emotivo, al manipolare il suo approccio al sesso, Lou farà di tutto per raggiungere il suo scopo e nella sua mente è tutto giustificato come crescita personale. Come ha detto Dan Gilroy, “dieci anni dopo la fine del film, Lou potrebbe dirigere una grande corporazione, orchestrare una gigantesca fusione che lascerebbe 50.000 persone senza lavoro.”
Lo humour nero risplende quando l’attitudine carrierista di Lou si scontra duramente con gli eventi del mondo reale. Dopo essersi intrufolato e aver filmato due orrendi omicidi a distanza ravvicinata all’interno di una casa dove la polizia deve ancora arrivare, Lou e il suo nervoso aiutante Rick (molto ben interpretato da Riz Ahmed) se la battono a tutta velocità, con Lou che sgrida il suo collaboratore per non aver mostrato abbastanza iniziativa. Una ricca satira e uno humour delizioso, se non addirittura fastidiosamente familiare.

Se Lou è l’uomo perfetto per questo mondo nuovo, Rick è la vecchia e imperfetta versione dell’uomo che comincia dal basso. Alla ricerca disperata di un lavoro, viene risucchiato nello squallido abisso dei notiziari tv e si trova a disagio ogni volta mentre viene sfruttato senza pietà da Lou, cominciando la sua nuova vita tra un apprendistato pagato a stento e una full immersion per niente facile nella cultura locale, sempre sul pezzo. Anche se entrambi partono dal fondo della società, Rick rallenta proprio dove Lou dà gas, motivo per cui è proprio lui il boss.

gross  Nightcrawler - Review - Recensione grossNon è un film perfetto. La stridente colonna sonora è del tutto inopportuna, e l’inclusione dell’impiegata dell’emittente, messa lì solo per fare la faccia scioccata davanti a ogni cosa, è uno schiaffo in faccia all’intelligenza dello spettatore. Ma la prima cosa è ampiamente ripagata dalla fotografia, e la seconda dal ruolo di Rick, speculare a Lou.

Per farcela in questo mondo devi essere impavido e scaltro e lasciar perdere il senso del giusto. Come ha detto Jake Gyllenhaal in una recente intervista, il mondo del lavoro attuale “è un selvaggio west in molti sensi.” Il sipario finale cala, in modo opportuno, su un’inquadratura di una luna splendente che illumina la notte di Los Angeles. Non c’era dubbio che Lou avrebbe avuto successo, è l’incarnazione del perfetto uomo dei nostri tempi che trova la sua luce nell’oscurità. Un self made man, zero umanità, fame insaziabile, e deciso a scavarsi una nicchia per prosperare mentre noi altri finiamo inghiottiti dall’oblio economico della nostra epoca. Mentre l’economia satura fino al collasso riscuote il dazio sul futuro di tutti, il regista Dan Gilroy satireggia su ciò che occorre per cavarsela in questo mondo. Non è un posto in cui vorrei vivere. Eppure, non direi di no a un sequel.

Comments

comments

Leave a Reply