Il Duca Bianco è morto, viva il Duca!

Per chi ancora non se ne fosse accorto è morto David Bowie.

David Bowie fu ogni cosa: artista, polistrumentalista, compositore, produttore ed attore.

Toccò qualsiasi forma d’arte e le donò la vita eterna.

Sentii sempre parlare di lui ma la sua musica non arrivò mai alle mie orecchie, non prima di aver visto un film che mi introdusse e mi raccontò gli anni d’oro di David Bowie: Velvet Goldmine.

Velvet Goldmine di Todd Haynes  Il Duca Bianco è morto, viva il Duca! 33360Uscito nel 1998, terzo film di Todd Haynes, lo stesso regista di Io non sono qui e di Carol, Velvet Goldmine è forse l’unico film che racconta il fenomeno culturale e musicale del Glam rock negli anni 70 in tutto il Regno Unito.

La pellicola racconta la figura della star Brian Slade, interpretato da Jonathan Rhys Meyers, che misteriosamente scompare dopo aver inscenato la propria morte nel suo ultimo concerto.
Attraverso le indagini del giornalista Arthur Stuart (Christian Bale), che ripercorrerà il suo passato giovanile negli anni ’70, verremmo a conoscenza dei più profondi ed intimi segreti che circondavano la star.

Inutile dire che la figura di Brian Slade è ispirata liberamente a quella di David Bowie e che non mancheranno inoltre personaggi rappresentativi di quel particolare periodo, anche se verranno ricordati dal solo personaggio interpretato da Ewan McGregor. Il tutto è contornato da bellissimi costumi glamour che valgono quanto una nomination all’Oscar, dalla costante influenza di Oscar Wilde, alle bellissime clip che accompagnano le musiche di Brian Eno, di Lou Reed, ma anche dei T-Rex, dei Roxy Music fino alla presenza dei Placebo e di Thom Yorke.
Errore in cui si potrebbe incorrere è quello di considerare la pellicola come la biografia di David Bowie il quale tra l’altro si affrettò a smentire ogni tipo di richiamo alla sua presunta omosessualità e non concesse i diritti per utilizzare diverse canzoni nel film.

Rimane comunque una pellicola che testimonia l’impatto culturale portato dall”uomo delle stelle‘.

Comments

comments

Leave a Reply