Le dieci ragioni per cui Joseph Kosinski salverà il Cinema blockbuster

Non è uno di quei registi superstar, vero? Sarà il fatto che non ha le mani in pasta coi supereroi, o almeno mi piace pensare che sia così. Perché altrimenti significa che il pubblico non sa riconoscere un talento che non solo è palese, ma potrebbe offrire grandi benefici al cinema blockbuster e non solo, e onestamente lo vedrei pure a capo di qualche miniserie tv di fantascienza. Joseph Kosinski, il regista di Tron: Legacy e Oblivion. Attenti a non sottovalutarli, rischiate di perdervi delle perle, anche se in mezzo a cose più discutibili.
Qui di seguito trovate le dieci ragioni, secondo noi, per cui Joseph Kosinski salverà il cinema ad alto budget

1) Prima di essere un regista è un architetto. I suoi film dimostrano che questa cosa per lui è importante, il che conferisce ai suoi mondi quell’aspetto sempre chiaro e ordinato, che si tratti delle tenebre venate di neon di Tron o degli scenari distopici e naturalistici di Oblivion. Ordine e pulizia che influenzano il modo in cui il film è girato, sempre.

2) Entrambi i suoi film dimostrano che il limite principale è la sceneggiatura. Non un problema da poco, ma significa anche che la volta che gliene capita sottomano una migliore il capolavoro scatterà di default. Un bel blockbuster che non sarà un fumettone ripieno di CGI ma uno spettacolo caldo e appassionante di cui potrete godere senza sembrare, agli occhi della gente, degli eterni Peter Pan o dei nerd senza speranza.

d00c9013f05fc971d774c2cd28fdd845  Le dieci ragioni per cui Joseph Kosinski salverà il Cinema blockbuster d00c9013f05fc971d774c2cd28fdd845

3) La musica dei suoi film è sempre una colonna portante. Senza disdegnare il sound design, Kosinski non si vergogna di attingere allo spirito anni ’80 la cui più grande risorsa era cercare, senza sensi di colpa, il puro piacere della melodia e del suono. In mezzo a tante composizioni anonime e tribaleggianti questo è ossigeno puro.

4) Ha dato a Tom Cruise un ruolo ancora inedito per lui, e molto più interessante dei vari Mission Impossible di questi anni.

5) Ha scelto Olivia Wilde per Tron: Legacy

6) Invece della CGI, per creare il cielo attorno alla casa tra le nuvole di Oblivion ha circondato il set con uno schermo enorme, proiettandoci sopra le nuvole e lasciando che gli attori interagissero con esso. Quel set rischia di essere il posto più bello in cui un essere umano vorrebbe vivere

7) Se non l’avessero già affidato all’ottimo Denis Villeneuve, Kosinski sarebbe perfetto per dirigere Blade Runner 2.

tron  Le dieci ragioni per cui Joseph Kosinski salverà il Cinema blockbuster tron

8) Se la scrittura dei suoi film è ancora problematica, tutto il resto…non lo è. Come talento visivo e sonoro, Kosinski sta avanti al 90% dei suoi colleghi.

9) I suoi film non durano tre ore e non contano sui salvataggi in extremis delle extended cut in home video, non essendo questione di minuti o di sangue in più (dato che il suo senso dello spettacolo prescinde dalla sciocca diatriba più violenza/meno violenza). Un film che dura il giusto in relazione a ciò che ha da dire è un bene sempre più raro. Nei film di Kosinski ogni scena ha il tempo di essere ciò che deve, e l’occasione di diventare un momento speciale, senza gonfiare il minutaggio complessivo ai livelli di Ben-Hur.

10) Avendo solo due film alle spalle, è lecito pensare che il meglio per lui debba ancora venire.

Poi magari sarò smentito, ma se al momento bisogna scommettere beh, le ragioni per farlo ci sono, e sono abbastanza.

Comments

comments

Leave a Reply