Il portafoglio che si crede un mazzo di carte da poker

“La vittoria non è mai certa, ma non rischiare tutto in determinati casi è un disonore.” È questa l’enigmatica ed evocativa frase che accompagna il portafoglio All In, oggetto di lifestyle davvero curioso e intrigante creato dal designer Valerio Cicco per il brand romano Differnp.

La prima volta che mi ci sono imbattuto è stata per caso, qualche anno fa, nel gift shop del Palazzo delle Esposizioni a Roma. Appena l’ho visto, non ho potuto fare a meno di acquistarlo, e da quel momento l’ho ricomprato diverse volte.

Ve lo consiglio se cercate un oggetto di uso quotidiano ma molto cool con cui attirare l’attenzione: da quando lo possiedo, ovunque io mi sia trovato – in un bar di San Francisco, in un bistrò di Parigi, persino in un hotel di Sao Paulo – mi sono puntualmente sentito chiedere da qualcuno con aria sbalordita “Ma quello cos’è, un portafoglio? Fantastico! Dove l’hai preso?”.

Sarà per il fascino irresistibile che le carte da poker esercitano nell’immaginario collettivo, merito della loro capacità di sintetizzare in pochi simboli grafici quel flirt continuo con il destino che è la nostra intera esistenza (è proprio vero che “non rischiare tutto in determinati casi è un disonore”).

1385980887  Il portafoglio che si crede un mazzo di carte da poker 1385980887D’altronde, il talento nel celebrare e raccontare i miti della cultura pop dei nostri giorni è una virtù cardinale per Differenp.

Fondata dal copywriter capitolino Federico Bulleri, classe 1980, l’azienda produce oggetti cool – non solo portafogli, anche magliette in cotone dotate di taschino “aggiornabile” (vale a dire rimovibile e sostituibile con altri decorati con fantasie e disegni diversi) – utilizzando un materiale duttile e all’avanguardia, il tyvek®: ha una consistenza simile alla carta ma resiste allo strappo, all’acqua ed è riciclabile.

41casBMmyxL  Il portafoglio che si crede un mazzo di carte da poker 41casBMmyxLE grazie alla sua duttilità si presta molto bene alla creatività di Differenp che lo arricchisce con design e colori di grande impatto. Ce n’è per tutti i gusti, davvero: dal portafoglio Sola Andata che riproduce alla perfezione un biglietto aereo per una destinazione esotica a Totocalci, che come evidenzia già il nome, celebra un autentica icona dell’Italia anni ’70-’80: la schedina del Totocalcio.

Ma naturalmente il mio preferito è proprio All In che ritrae una mano di carte da poker – precisamente un poker d’assi e un re di cuori – nella mitica versione Bycicle (pregiato marchio statunitense che le commercializza dal 1885). Tra l’altro è curioso come, nonostante il poker moderno sia un’invenzione americana, non risultino esserci prodotti made in Usa simili – o anche solo lontanamente paragonabili – a “All In”. Ci troviamo insomma di fronte a un classico caso di “Italians Do It Better”. Per maggiori informazioni chiedete a Sergio Leone.

Comments

comments

Leave a Reply