Wolverine, il supereroe a prova di reboot

Batman 5, Superman 3, Spiderman 3, Fantastici Quattro 2, Hulk 3… No, non è la tombola di Capodanno dei supereroi, ma il numero di attori che hanno vestito i panni di questi totem dell’immaginario collettivo. Il che non sarebbe neanche strano, se non fosse che molti di questi passaggi di testimone si sono verificati in pochi anni, quasi sempre con esiti deludenti. Eppure la filosofia ha attecchito, sicché a volte, in sala, ormai sembra di assistere a screening test piuttosto che a film fatti e finiti.

Il mondo dei cinecomic a Hollywood affonda le sue radici nella fine dello scorso millennio, e oggi è davvero impossibile occuparsi di Cinema popolare senza fare i conti col fenomeno. Un tipo di prodotto che è partito molto lentamente per poi scalare le marce a velocità esponenziale negli anni 2000, fino ai giorni nostri, in cui abbiamo la sensazione che il trend non finirà mai. In realtà, un simile flusso produttivo non sarebbe possibile senza giocarsi la carta del reboot, che permette a un personaggio di floppare (o per lo meno di non convincere) ma di rialzarsi quasi subito…con una faccia nuova sotto la maschera e, di solito, un cambio di gestione in sala comandi.

Ma c’è un’icona dei comics, tra le più popolari, che rappresenta un modo a parte di rapportarsi col genere: Wolverine. Dalla sua prima apparizione cinematografica, in X-Men, il mutante con gli artigli per tutto il mondo è stato solo Hugh Jackman. Diciassette anni, otto film (contando anche i cameo), una figura carismatica e viscerale che, seppure contestata da certe frange puriste, è rimasta piantata al centro di un enorme e affollato franchise diventandone il perno morale, e si prepara a tornare in scena per una (sembra) ultima avventura, Wolverine 3. Perché è così importante?

Perché, con centomila supereroi che non di rado condividono background e poteri molto simili, augurarsi che ognuno abbia il più possibile una personalità definita è l’aspirazione più logica e legittima del mondo. Laddove la scrittura dei fumetti risulta a volte omologata da tradizioni pluridecennali spesso, inevitabilmente, cicliche e copiative la presenza costante di un unico interprete, possibilmente di valore, contribuisce non poco a definire il personaggio e, come a volte avviene, aggiungere qualcosa al mito e dare una scossa di ritorno al fumetto stesso, un circolo virtuoso di arricchimento reciproco, che omologando i due media rischia di perdersi.

Wolverine  Wolverine, il supereroe a prova di reboot wolverinewphotos1 copia

L’attore contribuisce molto a “disegnare” il personaggio su grande schermo. Non è che per ogni supereroe ci siano decine di attori adatti, che abbiano l’aspetto, la bravura, il carisma e lo star power necessari. Sostituire un buon interprete troppo presto può essere un azzardo, si rischia di privare il Cinema della sua autonomia e della sua autorevolezza, scordando che un singolo film può avere sulla cultura pop lo stesso effetto di cento e forse mille albi a fumetti. Inoltre, sapere che un attore si affeziona al ruolo (ovviamente anche per convenienza) garantisce un certo impegno nel mantenerlo fresco e rilevante.

Che Jackman si impegni per me è palese in ogni momento che lo si vede su schermo, ma la conferma viene dalla qualità crescente dei suoi spin-off: Wolverine – Le origini funzionava appena (comunque molto meglio di certe Royal Rumble di gente in maschera che ora sfondano regolarmente il box office eh), ma il sequel diretto da James Mangold è un salto in avanti poderoso e uno dei migliori cinecomic da molti anni a questa parte, e si vede un radicale cambio di impostazione che certo non può essere dovuto al caso. Sapere che il terzo è in mano ancora a questi due signori non può che far sperare bene. Vedere un franchise che cresce invece di peggiorare non è così comune, anche se per chi parte sottotono è più facile.

Certo Wolverine è un personaggio tra i più cinematografici in assoluto: gli artigli e il fattore rigenerante lo mettono a suo agio tanto in film apocalittici quanto in storie hard-boiled. Un duro dal cuore tenero, longevo come un vampiro e disadattato come un samurai, capace di violenza inaudita e linguaggio forte senza mai andare fuori ruolo. Un eroe sì, ma di quelli che sanno fare paura.

Wolverine  Wolverine, il supereroe a prova di reboot x men chronologie des films saga ordre visionnage

Ma anche un personaggio di questa statura rischia di perdere smalto e importanza se cambia pelle troppo spesso. Non si può pretendere, in un industria come quella di Hollywood, che un beniamino del pubblico appartenga per sempre a un solo attore, ma che almeno passino dieci anni tra una versione e l’altra beh, questo sì. Se qualche anno fa questa politica era ancora attuabile, adesso sarebbe a dir poco rivoluzionaria: il processo di serializzazione ha radicalmente trasformato il genere, i film sono diventati episodi che escono a intervalli di tempo minimi, e non si vedono pause all’orizzonte.

Dal paradosso alla figuraccia il passo è breve: diciassette anni di Wolverine-Jackman e scrivo questo post proprio quando sembra più vicino che mai il momento in cui il buon Hugh riconsegnerà gli artigli. Ma scriverlo anni fa non avrebbe avuto senso, visto il tema. Né tutto questo papiro significa che non riesca a immaginarmi nessun altro nel ruolo: Joaquin Phoenix sarebbe perfetto, se lo chiedete a me, e in Vizio Di Forma sfoggia pure un look che è Wolverine al 100%. Ma, a prescindere da chi sarà coinvolto, un giorno l’investitura di un nuovo interprete avverrà, certo, ma dopo un ciclo artistico compiuto.

Fatto sta che il caso Wolverine passa come un ufo in questo consumismo di facce e corpi, un gran bell’esempio di fedeltà a un brand che paga su tutti i fronti, la prova che da patti chiari nascono amicizie lunghe, che producono a loro volta grandi responsabilità. Come i grandi poteri.

Comments

comments

Leave a Reply